SAN MINIATO - A conclusione dell’anno scolastico, come consuetudine nella nostra Diocesi, l’Ufficio per il servizio dell’Insegnamento della Religione Cattolica guidato da don Polidori, ha incontrato tutti gli insegnanti incaricati del territorio per la consegna degli attestati di partecipazione all’annuale corso di aggiornamento, per i saluti prima dell’estate e per programmare le iniziative formative del prossimo anno scolastico.

La vita di Don Milani e le strategie educative per ragazzi con difficoltà di apprendimento gli argomenti che verranno trattati a partire da ottobre 2017 dagli insegnanti di tutti gli ordini di scuola. All’incontro è intervenuto anche il vescovo Andrea che ha voluto sottolineare l’importanza del ruolo degli educatori in questo preciso momento storico e culturale: «un servizio delicato e quasi ministeriale» che vede maestri e professori non solo protagonisti, con i loro studenti e colleghi, di un lavoro, ma di una vera e propria vocazione nel contesto del mondo della scuola. Il presule ha sottolineato il rilievo ecclesiale dell’IRC per la particolare collocazione “di frontiera” nel quale gli insegnanti si trovano a operare e per gli argomenti che vengono trattati: bambini, ragazzi e giovani che crescono, con tutte le complicate dinamiche della crescita, e il rapporto con i genitori, non sempre di facile gestione, sono aspetti stimolanti di questo lavoro, che mettono gli insegnanti a contatto diretto con le sfide di un mondo in rapido cambiamento. L’insegnamento ha ricordato mons. Migliavacca è «una grande opportunità di incontrare gli altri in cammino, è un lavoro affascinante, e al contempo faticoso, per questo vi ringrazio per la dedizione e la generosità che mettete quotidianamente». È stata sottolineata infine l’importanza della formazione continua, non solo per dovere professionale, ma per il ruolo di servizio che gli insegnanti di IRC rivestono, chiamati a rinnovare costantemente i presupposti della propria appartenenza ecclesiale riflettendo sui temi della fede cristiana e della spiritualità.

Seguici su Twitter