pisa-palazzo-provincia-knLB--258x258IlSole24Ore-Web
DALLA DIOCESI - La scorsa settimana si sono svolte le elezioni per il Consiglio provinciale della Provincia di Pisa. Per i non addetti ai lavori va ricordato che dopo la riforma Delrio le province non sono più elette dai cittadini ma solo dai sindaci e dai consiglieri comunali del territorio. Per il Comprensorio del cuoio sono stati eletti il sindaco di Santa Croce, Giulia Deidda, il sindaco di Castelfranco Gabriele Toti e il consigliere comunale Rusconi, sempre di Santa Croce sull’Arno. Perché è importante parlare di questa elezione, che non ha interessato direttamente i comuni cittadini? Perché lo scorso dicemebre il referendum costituzionale è stato bocciato dalla maggioranza assoluta degli italiani e parte della riforma proposta riguardava proprio l’abolizione delle Province come organi istituzionali intermedi tra Regioni e Comuni. La nuova situazione imporrà al Parlamento di rimettere mano all’ordinamento delle Province, proprio perché in questi ultimi anni l’intento dei Governi è stato quello di arrivare a una naturale soppressione di quegli stessi enti definiti "inutili", togliendo loro, gradualmente, capacità di spesa e di investimento.
Leggi tutto...
15941397 1539544322722727 182773770784730420 n
SAN MINIATO - La pace, la nonviolenza, il servizio alle comunità. Questo in sintesi il senso delle parole del Vescovo Andrea in occasione dell’ormai tradizionale consegna del messaggio del Papa per la Giornata Mondiale della Pace ai sindaci, agli amministratori e alle forze dell’ordine dell territorio diocesano.
Leggi tutto...

13442226 1274255645918264 2740821951216714734 n

 

Il 20 dicembre di un anno fa faceva il suo ingresso solenne in San Miniato il Vescovo Andrea Migliavacca, originario della provincia pavese. Il suo arrivo segnava l’inizio di un nuovo cammino per la diocesi, che in questo anno ha imparato a conoscere questo giovane pastore dallo stile così originale.
Dall’incontro con la diocesi sanminiatese sono scaturite proprio pochi giorni fa le prime indicazioni, nella lettera pastorale «Con Vento Favorevole», che lancia uno sguardo pieno di fiducia verso il futuro a ffida alla guida della «luce gentile» di Dio i passi della nostra chiesa.
Tanti auguri Vescovo Andrea.

Ecco le due testimonianze dei novelli diaconi, in ordine, quella di Luca Carloni e Massimo Meini

 

1016462 970779139603904 3115585669035847325 nsan

Luca Carloni (il primo da sx)                                         Massimo Meini             

DALLA DIOCESI - “Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. Anche il Figlio dell'uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti” (Mc 10,43-45). Quello a cui ci chiama Gesù è qualcosa di straordinario, che va oltre ogni logica umana. Ci dice che per essere grandi, per ricoprire un ruolo importante, bisogna essere servitori e non re, bisogna essere ultimi e non primi. Gesù ci ha mostrato che è lavando i piedi a chi abbiamo vicini che si diventa grandi, ci ha fatto vedere che la veste regale è quel grembiule di cui si cinse nell’umile gesto della lavanda dei piedi, la posizione da re è quello stare chinato a terra a lavare i piedi a noi. Essere ultimo, è questo un grido che sento rimbombare nel mio cuore, essere semplice, sempre pronto a mettermi al servizio di chi mi sta di fronte. Essere ultimo per poter vedere tutte le necessità che i fratelli e le sorelle hanno, essere ultimo per avere uno sguardo pastorale su chi condivide la strada con me.

Leggi tutto...

DSCF0233

SAN MINIATO - Il prossimo 29 novembre ricorrerà il primo anniversario della morte di don Luciano Marrucci. A lui la rivista «Erba d’Arno», nel numero 144-145 (2016) ha dedicato un bel ricordo a firma di Carlo Lapucci che ne tratteggia con sensibilità il profilo e offre una breve bibliografia ragionata delle sue opere. Riportiamo qui alcune commoventi pennellate con cui Lapucci ritrae la figura e il carattere dell’amico: «Luciano era fatto come la sua casa a Moriolo. Quando l’incontrai viveva solo: un mondo dal quale era bandito l’ordine, la convenzione, dove ogni cosa occupava il posto che le pareva, senza che il padrone la costringesse a stare dove sarebbe stato naturale cercarla. Fu per me una sorpresa solo iniziale perché ben presto fu chiaro che l’ordine naturale delle cose non era stato abbandonato per faciloneria o trascuratezza, ma per una scelta, se non precisa, determinata e cosciente, di una vita secondo valori che stanno al di là di molte di quelle convenzioni che ordinano e conformano l’assetto comune e convenzionale della quotidianità delle persone.

Leggi tutto...

Pagina 9 di 48

Seguici su Twitter